65.000 Visitatori

30.000 MQ

7 Settori

300 Espositori

4 - 12.03.2017

IL GIARDINO DA VIVERE - Festival dei Giardini 2017

Home»Festival dei Giardini 2017»IL GIARDINO DA VIVERE – Festival dei Giardini 2017
IL GIARDINO DA VIVERE – Festival dei Giardini 2017

G11 - PROGETTO2

PAD 8 – HALL 8

GIARDINO n.11 – stand 12

Il giardino da vivere

di VIVAI MARCHESAN DI CHIANDUSSI MAURIZIO & C. s.a.s
info@vivaimarchesan.it
www.vivaimarchesan.com

CHIANDUSSI GIACOMO
giacomochiandussi@gmail.com

 

PRESENTAZIONE

Le diverse essenze vegetali si sono adattate da sempre all’habitat in cui vivono, modificando fusto, rami, apparato radicale e foglie.
Le piante succulenti ad esempio, sono così chiamate per la loro riserva d’acqua presente nei vari organi vegetali che li permettono di vivere in ambienti aridi dove le piogge sono praticamente nulle, inoltre a sua volta sono dotate di spine che le proteggono dai predatori.
La cirrazione delle piante rampicanti ha permesso a loro di ancorarsi per sostenersi modificando parte delle foglie con dei filamenti detti “cirri”.
Questo progetto vuole mettere in evidenza, come le diverse essenze tra loro possono convivere armoniosamente, anche se pur con necessità diverse, in un ambiente pulito e moderno dalle linee definite.
Al suo interno si possono notare due principali zone, separate da un percorso in ghiaia illuminato: una “living” che vede una pedana con tenda parasole e sedute comode accompagnate da barbecue e tavolino con al oro sfondo una barriera in bamboo che protegge il tutto da occhi indiscreti.
Oltre ad essere una zona funzionale, essendo rialzata da terra, permette di vedere tutto il giardino nelle sue diverse fasi vegetazionali nel susseguirsi delle stagioni.
Ai lati della pedana si possono notare due macchie mediterranee con piante succulenti, phormium, yucche, graminacee, agavi e palme che nel contesto rendono l’ambiente caldo e rilassante.
La seconda zona, vede invece una barriera di conifera e arbuti di vario genere che fanno da sfondo al bonsai di camelia rialzata rispetto al terreno e cinta da un muretto illuminato con al suo interno due lame d’acqua che dolcemente cadono nel bacino sottostante.
Il giardino vuole essere inteso come un luogo da VIVERE in tutte le sue “forme” ed in ogni momento della giornata, da soli o in compagnia basta guardarsi attorno per trovare il proprio equilibrio mentale e fisi co dato da elementi naturali come acqua, terra e fuoco fusi tra verde, arredo esterno ed illuminazione.
Vedere il giardino come continuazione e completamento della casa, lo rende pratico e funzionale al servizio della persona.

APPROFONDIMENTI

tema-Festival-dei-Giardini-2017

Comments are closed.